martedì 15 aprile 2014

Vagabondaggio

Una strana giornata in una città che visito molto di rado.
Il vento che fa ondeggiare come impazzita la merce colorata del mercato,
il mimo con la faccia dipinta di bianco che mangia un pezzo di pane,
il pope ortodosso con la sua lunga barba grigia e il carrellino per la spesa...
piove con il sole in questa strana giornata.
Qui nessuno mi conosce,
e rubo attimi di una città non mia.

venerdì 11 aprile 2014

Follia di Aprile


Sono spuntate le stelle bianche dei campi, 
sono spuntati i primi papaveri rossi.
Sono spuntati anche nuovi progetti:
sembrano talmente incredibili e lontani da essere ancora irreali.
Fili intrecciati e luci sul Gange. 
Chissà...
Ma per restare più vicini al presente, Maggio si avvicina troppo 
e io sento tutto. 
Anche le cose che non vorrei sentire,
anche le cose non mie, e al tempo stesso sono sola.
Ci sono tramonti e nuvole.
Stanchezza e determinazione.
Trovo tantissimi quadrifogli, il chè ora come ora mi sembra un pò una presa in giro,
ma li raccolgo lo stesso e li metto nei libri. 
Forse anche loro troveranno la loro strada.


sabato 5 aprile 2014

Avvertenze

Non innamorarti di una donna che legge, di una donna che sente troppo,
 di una donna che scrive…
Non innamorarti di una donna colta, maga, delirante, pazza.
Non innamorarti di una donna che pensa,
 che sa di sapere e che, inoltre, è capace di volare, di una donna che ha fede in se stessa.
Non innamorarti di una donna che ride o piange mentre fa l’amore,
 che sa trasformare il suo spirito in carne e, 
ancor di più, di una donna che ama la poesia (sono loro le più pericolose), 
o di una donna capace di restare mezz’ora davanti a un quadro 
o che non sa vivere senza la musica.
Non innamorarti di una donna intensa, ludica, lucida, ribelle, irriverente.
Che non ti capiti mai di innamorarti di una donna così.
Perché quando ti innamori di una donna del genere, 
che rimanga con te oppure no, che ti ami o no,
 da una donna così, non si torna indietro. Mai. 

( Martha Rivera Garrido)


Woman Reading Near a Goldfish Tank by Lovis Corinth 1911

lunedì 31 marzo 2014

Blu interiore

Il vento ha spazzato via le nubi,
e ha asciugato il blu sulle mie mani.
Nel blu - che da sempre è il mio colore preferito -
c'è la risposta che mi serve adesso.
Il blu come "giusta distanza" è una conquista faticosa. 



Domenica al parco

Arrivo al parco del Vecchio passeggio per partecipare al mercatino....
e scopro che il mio tavolo è posizionato proprio sotto all'albero di Tasso.


Rimango qualche minuto in silenzio, so che il caso non esiste.
E così me ne sto sotto i suoi grandi rami, leggo, scrivo una lettera,
vendo perfino qualcosa.
La giornata è bellissima e il mercatino vasto, girovagando qua e là ho rimediato per pochi euro questo bottino: una piccola lente di ingrandimento, una borsa di pelle con su una specie di idolo, e un guscio di tartaruga.


C'è tanta gente, e spero che questa iniziativa si ripeta,
questo piccolo parco non è molto sfruttato dai cremonesi, benchè a me sia sempre piaciuto.



sabato 29 marzo 2014

Come nell'ovatta

Sole, impronte nel fango, sogni, cose da fare, pensieri come nubi.
e poi.....il compleanno della genitrice 
per la quale ho trovato questa conchiglia (Architectonica maxima )


e all'improvviso un mercatino qui a Cremona....
tocca ignorare questa strana sensazione di stasi, 
come quando le nuvole si fermano a lungo su un luogo e sono basse e pesanti,ma non piove mai.  Meglio ricordarsi di saper prendere, osservare le piccole cose e andare avanti. 


sabato 22 marzo 2014

Nuovi passi


Ho scarpe nuove per i nuovi passi.
I passi da fare con questi due piedi, che a volte mi sembrano tanto strani.
Una cascata di piccoli petali bianchi ha ricoperto la tana,
entrando fin nell'ingresso.
Mi prudono le vene e ogni giorno di più il mondo diventa un vortice.
Nessuna rimane sola in questo periodo.
Le urla lacerano la notte,
e gli ultimi arrivati tra gli abitanti della cascina  rabbrividiscono a questo suono.
Io invece sorrido, a volte rispondo.
E resto sola.